mercoledì 23 giugno 2004

Ciao Roma

Ho VISTO: la città di notte da Frascati, una bellezza diversa nei monumenti tra splendore diurno e illuminazione notturna, una fiera di quartiere semivuota, il prato dell’Eur pieno di gente, i turisti felici, le suore in libera uscita il 2 giugno, gli elicotteri militari che scortavano Bush, le carrozze del metro’ piene di gente nell’ora di punta, le verdi acque del Tevere (sporco), i colori dei vicoli, la chiesa di San Pietro e Paolo.

Ho SENTITO: il silenzio, il filosofeggiare di teorici a un seminario sui diritti umani, Man in the mirror con voce femminile e chitarra, le parolacce contro Capello che va alla Juve, un tizio che diceva a Testaccio con accento marcato «bella Miché!», ragazzi che cantavano a piazza di Spagna, il cd di Inga.

Ho TOCCATO: il Colosseo, l’erba dei giardini del Quirinale, le pietre dei Fori imperiali.

Ho ODORATO: il fortissimo profumo degli alberi dell’Eur.

Ho GUSTATO: la pasta cucinata da me, la pizza “cinese” di mister Hu, il gelato di Giolitti.

Ciao Roma (ma sono già a Bruxelles da ieri mattina).



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2004/06/23/ciao-roma/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. domenica 25 marzo 2007

    certo lasciare roma comunque e sempre triste

    Separatore
  2. martedì 25 settembre 2007

    ciao spero che roma ti abbia lasciato un buon ricordo

    Separatore
  3. sabato 16 febbraio 2008

    LA BELLEZZA DI ROMA E LA SUA GRANDEZZA RESTANO SEMPRE NEL CUORE.

    Separatore
  4. sabato 6 settembre 2008

    complimenti per il blog spero ch tornerai nella citta eterna.

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail