venerdì 23 luglio 2004

Ciao Bruxelles

Ultimo giorno a Bruxelles per me. È strano e mi risulta quasi incredibile pensare che per quasi quattro settimane ho fatto il conto alla rovescia dei giorni mancanti e ora mi andrebbe di restare, mi sono adattato e mi sento abbracciato da questa città cosmopolita e piena di contraddizioni. Lascio qui a Bruxelles una parte di me incerta, anche se l’inquietudine (che deve essere vissuta come punto di forza, così come la complessità) rimane e credo che la riporterò in Sicilia. :)

Ho VISTO: un angelo luccicante d’oro sul tetto di un palazzo la notte dei fuochi d’artificio sul Parc de Bruxelles, le ragazze arabe rinchiuse tra i loro veli, i murales a fumetti, il lampo dei tram che toccano la linea elettrica e lo stesso lampo nel metro’, la bellezza delle africane, un viso dell’est dell’Europa rilassato e appagato, la gioia dei greci campioni d’Europa, il cielo grigio, il grigio degli edifici delle istituzioni europee, i beffroi altissimi a Bruges, fiori di colori accesissimi, i quadri op art di una mostra, la torre dell’hôtel de Ville (Grand’ Place) da ovunque.

Ho SENTITO: parlare in inglese, francese, fiammingo, italiano, arabo, turco, polacco, olandese, russo ecc., suonatori balcanici al Café Belga, il suono del carillon del gelataio alle 9 di sera, canti africani al Musée royale de l’Afrique Centrale, pochissimi clacson, canzoni dei Massive Attack al Théâtre de Toone e poi nel mio Vaio, lo stridio e le oscillazioni delle sfere dell’Atomium.

Ho TOCCATO: la tastiera azerty, i muri rassicuranti e antichi della chapelle du Saint-Sang a Bruges, la pelouse, i capelli di Dominika.

Ho ODORATO: il mio cuscino, il “piedone” nel mio studio che sa di frutta e di cose buone.

Ho GUSTATO: le gaufre, le gaufrette, i croissant dell’algerino, i cookie, la pasta fatta da me, la cucina greca, la pitta, la Gueze e la blanche, il pane di Paul a Lille, la pasta alla carbonara e il Bardolino alla Riviera, il pesto di Wioletta.

Tutto ciò in ordine sparso.

Ciao Bruxelles la piovosa; posso dire di essere stato All’Ice nel paese delle meraviglie della pioggia!



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2004/07/23/ciao-bruxelles/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. venerdì 11 luglio 2008

    Come vedi abbiamo il stesso nome. Io sono nato qui in belgio. Mio padre e venuto lavorare nelle miniere. Il suo paese era Grotte provincia d’Agrigento. Una parte de la sua famiglia a imigrato in America nella la citta di Rockester. Cerco nello mondo tutti les SIINO. MI piacerebbe sapere si siamo della famiglia? Scusa il mio italiano.Grazie.

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail