lunedì 3 gennaio 2005

Pace in Perù

Ad Andahuaylas (Perù) l’ex maggiore dell’esercito Antauro Humala, insieme a un gruppo di riservisti armati, tiene in ostaggio da due giorni una decina di poliziotti chiedendo le dimissioni del presidente Toledo.

Mi sembra di avere già visto da qualche parte la bandiera dei ribelli…

Bandiera dei ribelli peruviani di Humala



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2005/01/03/pace-in-peru/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. venerdì 7 gennaio 2005

    “Si vis pacem, para bellum” è la stessa cosa che fanno le persone di destra e soprattutto il loro amico Bush.
    Perché indignarsi se il proprio rivale è simile a noi?

    Io personalmente sono contrario a questa logica.

    Separatore
  2. venerdì 7 gennaio 2005

    Perchè mai averla con bush per queste cose?

    Separatore
  3. domenica 9 gennaio 2005

    Perché questa logica sbagliata è la stessa logica estera di Bush, tutto qua.

    Separatore
  4. domenica 9 gennaio 2005

    Se tu fossi un presidente per un mese come ti comporteresti?Non diversamente da bush,avendo sulle mani,una atmsfera turbolenta di inquietudini politiche incessanti…

    Separatore
  5. domenica 9 gennaio 2005

    “una atmosfera turbolenta di inquietudini politiche incessanti”… creata ad hoc da me e dai miei amici della CIA per muovere guerra all’Iraq.

    Tra i presidenti che si sono comportati diversamente ricordo un certo Zapatero, nonché i capi di stato praticamente di tutto il mondo che non hanno voluto muovere guerra.

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail