lunedì 20 giugno 2005

Libri a catena

Antoniognius mi passa la catena letteraria. Certo che se continuiamo così l’estate è messa male. :P

Libri che posseggo nella mia biblioteca e in genere:
forse può sembrare strano ma a casa mia non ho molti libri. Molte cose le ho prese in prestito al liceo nella biblioteca della scuola. E invece di studiare italiano ho letto quello che piaceva a me… Però credo che “possedere” un libro significa averlo dentro. Credo che sia la giusta interpretazione. Ad ogni modo, a casa ho molti classici del pensiero filosofico che un giorno leggerò, i due Pirsig (Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta e Lila), Due di due di De Carlo, il Kamasutra (che secondo me è letterariamente notevole), No logo e Global, Tocqueville e Marx, il Vangelo e il Corano, Siddharta, Cent’anni di solitudine, La casa degli spiriti in spagnolo e Il piccolo principe in francese ed Essere digitali di Negroponte. E altro. “Posseggo” (in senso lato) Borges (che amo), la poesia sudamericana (Garcia Lorca, Jimenez, Neruda e Salinas), Hermann Hesse, Voltaire, i Pensieri morali di Confucio, Le notti bianche di Dostoevski e Il giovane Holden. E altro.

L’ultimo libro che ho comprato:
la trilogia di Oriana Fallaci. E meno male.

Libro che sto leggendo ora:
Regime di Gomez e Travaglio. Fazioso.

Tre libri che consiglio. E perché:

  1. Lila di Robert M. Pirsig. Perché propone una visione filosofica con ricadute pratiche del mondo. Spiega molte cose.
  2. La biblioteca di Babele (un racconto di Finzioni) di Jorge Luis Borges. Perché ha la forza dell’immaginazione dell’infinito.
  3. Soffocare di Chuck Palahniuk. Perché Palahniuk è matto, ma scrive da dio.

Perdonatemi se stavolta non passo il testimone.



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2005/06/20/libri-a-catena/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. martedì 21 giugno 2005

    Ti consiglio “Il terzo gemello” di Ken Follet.

    Separatore
  2. venerdì 24 giugno 2005

    ti consiglio “Cent’anni di solitudine”;è bellissimo, tony,e no farti ingannare dal titolo perchè il termine solitudine nel libro viene intesa in un altro modo.

    Separatore
  3. giovedì 11 maggio 2006

    Io ti consiglio ” il vangelo secondo Gesù Cristo” di marquez.
    Oppure, sepre stupendo, “il petalo cremisi e il bianco”….
    C’è anche la Vita di Pi, che mi è piaciuto molto.
    Tre generi, tre storie diverse, ma tutte affascinanti e ben scritte: non ti annoi mai, ne ti diventano ostiche…..
    Ciao

    PS: dimenticavo il quinto giorno

    Separatore
  4. martedì 11 dicembre 2007

    Io sono un’appassionata di libri, credo che non potrei vivere senza ….

    Separatore
  5. mercoledì 6 marzo 2013

    Bel post complimenti!

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail