venerdì 15 luglio 2005

Dominijanni vergogna

«I bambini di Baghdad usati dai marines come scudi».

È la frase che apre l’editoriale di Ida Dominijanni su Il manifesto di ieri.

Questa donna non è una cretina, né un’ignorante. Sta semplicemente strumentalizzando la morte e in mala fede su un episodio che ha fatto indignare tutti tranne chi è rimasto comunista, dato che dai riformisti ho sentito le stesse parole di indignazione e di condanna del resto del mondo.

Se volete mandare un’e-mail indignata alla signora Dominijanni andate qui.

Tag: .


TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2005/07/15/dominijanni-vergogna/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. venerdì 15 luglio 2005

    scusa, mi potresti riassumere il problema? ovvero a quale episodio si riferisce ida dominijanni? davvero ti chiedo, perché ultimamente mi sono perso qualche passaggio.
    ciao
    lorenzo

    Separatore
  2. venerdì 15 luglio 2005

    Il 13 luglio un’autobomba guidata da un kamikaze è esplosa a Baghdad uccidendo almeno 32 persone tra cui moltissimi bambini e tanti civili. I marines stavano distribuendo caramelle.

    Separatore
  3. venerdì 15 luglio 2005

    grazie, è che leggendo (on line) l’articolo del manifesto che parlava dell’accaduto non capivo il collegamento, quindi avevo supposto che si riferisse a un altro episodio. Comunque sono d’accordo che l’attacco del pezzo è una scempiaggine. Non capisco che c’entri “chi è rimasto comunista” e i “riformisti”: mi pare che nel titolo grande e nell’articolo sui fatti si faccia riferimento alle vittime innocenti e non si strumentalizzi niente. E poi non c’è solo Ida Dominijanni a rappresentare i “comunisti”… per fortuna! D’accordo quindi sul fatto che ID ha fatto una cazzata. Meno sulle generalizzazioni.

    Separatore
  4. venerdì 15 luglio 2005

    francamente una cosa così vergognosa me l’aspettavo e me l’aspetto sempre da quel giornale e da quella parte politica.

    ciao.

    Separatore
  5. sabato 16 luglio 2005

    Editoriale
    «I bambini di Baghdad usati dai marines come scudi».
    È la frase che apre l’editoriale di Ida Dominijanni su Il manifesto di giovedì, a seguito dell’esplosione di un autobomba.

    Separatore
  6. sabato 16 luglio 2005

    Questa è l’ultima vignetta di quel giornale…ma che bravi che sono…come si fa ad essere così imbecilli?!

    http://www.ilmanifesto.it/vauro/vauro.gif

    Separatore
  7. sabato 16 luglio 2005

    Confermo. L’attacco dell’articolo è vergognoso. La vignetta di Vauro è idiota.

    Separatore
  8. venerdì 22 luglio 2005

    L’attacco dell’editoriale non sarà stato dei più felici, però non dimentichiamoci che i ‘buoni’ che distribuivano solo caramelle sono gli stessi di Abu Ghraib, Calipari, Guantanamo ecc…

    Separatore
  9. martedì 25 agosto 2009

    Ma vogliamo davvero credere che tutto quello che ci viene propinato è per puro altruismo???

    Vogliamo davvero credere che certe immagini sono fine a se stesse e/o costituiscono un documento attendibile???

    L’altruismo è un atto spontaneo: non ha divise, non ha religioni, non ha appartenenze.

    Chi lo ostenta in questo modo non vuole evidenziare “l’atto” ma “l’appartenenza di svolge l’atto”.

    Chi ostenta altruismo attraverso meccanismi mediatici magari precostituiti
    deve fare pensare… e molto. Una abitudine in disuso a quanto leggo.

    Gian Franco Dominijanni

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail