lunedì 5 settembre 2005

La restauratrice

Davanti a uno spongato gigante Consuelo mi spiega che cosa significa descialbare e come si fa il rigatino. Stanchezza nei suoi occhi neri da mediterranea abbronzata e riccia. Il suo naso ha un taglio armonioso e insolito ed è lì che mi soffermo mentre cerco di non farmi sfuggire eventuali segnali di gradimento. Scosta i capelli delicatamente e si mette il lucidalabbra sulla bocca sottile che non mi dà responsi. Eppure sono distratto e non so corteggiarla.

Il piccolo mondo di cui facevamo parte inconsapevoli ci vede a quattro gradi di separazione.

E dopo la notte che trascorre veloce lei ritorna al cantiere del restauro e io alla mia stanza di università, ché ormai questa estate ci scivola addosso mentre canto Seven days in sunny June e mi emoziono: «There’s a magic I can’t hold / your smile of honey gold / [...] Could it be this / You never gave me time to say I love you».



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2005/09/05/la-restauratrice/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. martedì 6 settembre 2005

    toni….
    sei un uomo d’altri tempi!

    Separatore
  2. mercoledì 19 novembre 2008

    ciao, un mio amico mi ha inviato queste righe chiedendomi se fossero riferite a me.. in realtà lo sembrano davvero..ma ci siamo conosciuti? O è solo una coincidenza?
    Consuelo

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail