giovedì 8 giugno 2006

Silent party

Ieri sono andato al silent party a Monreale, a palazzo Cutò. Un silent party è una festa in cui…si sta in silenzio! Sono vietati tutti i comportamenti che creano rumore, non si può tenere il cellulare acceso, non si può fumare e non si può parlare. Si comunica con dei foglietti di carta, con i gesti e con gli sguardi. La festa era organizzata dal 54B studio di Palermo.

Si può pensare che si tratti di un’idea tutto sommato banale, però a me è piaciuto. È certamente un’esperienza imbarazzante e per alcuni fastidiosa. Io cerco sempre stimoli e credo di averne trovato qualcuno. Intanto gli studi sulla percezioni degli stimoli provenienti dall’ambiente sono veritieri. Penso in particolare al fatto che noi umani riusciremmo a gestire a livello cosciente da tre a sette stimoli contemporaneamente. Durante il silent party l’acustica decade. Si ascoltano suoni della natura e fruscii degli abiti. Quindi si fa più attenzione ad altri elementi. Per esempio ho notato molto i profumi e ho osservato meglio la luce negli ambienti.

Worth doing!



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2006/06/08/silent-party/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. giovedì 8 giugno 2006

    La trovo un’idea fantastica..
    .. ma non hai messo alcun resoconto su qualche conversazione particolare?

    ps. In più mi vengono della battute cafone sul party a tema ‘pizzini’. Le scaccio come mosche cattive che turbano la mia visione mitteleuropea.

    Sciao!

    Separatore
  2. giovedì 8 giugno 2006

    Dev’essere molto stimolante, non ne avevo mai sentito parlare prima!
    Già, perchè non riporti qualche stralcio di conversazione scritta?

    Separatore
  3. venerdì 9 giugno 2006

    Contatto le organizzatrici per avere le trascrizioni, se possibile. ;)

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail