sabato 20 ottobre 2007

Pensierini tra Milano e Roma

“An inconvenient truth”

Una signorina tedesca sull’Eurostar (che è tedesca non si capisce dagli occhi azzurri, dai capelli biondi e dalle spalle larghe ma dalle scarpe: mai vista una tedesca con scarpe altro che orribili) guardava su un Vaio rosa (con la cuffia dell’iPod rosa… Ah! Valigia? Rosa…) il DVD di Al Gore, An inconvenient truth. Dai copiosi sbadigli mi sono fatto l’idea che la verità “inconvenient” è che non debba essere troppo interessante.

“Pane, amore e sanità”

La nuova campagna di Oliviero Toscani (su quella per Snai non mi esprimo) per il Ministero della Salute è carina e impossibile da non notare. Però dopo 15 secondi mi è venuta voglia di spaccare i monitor e il faccino da Heidi dentatissima della crocerossina.

“ROMA Film Fest”

Il logo del ROMA Film Fest mi ricorda quello della metropolitana di Londra, quello della Universal Pictures e credo altri 100. Non c’era di meglio?

Al Bano - “Nel sole”

(Innalzamento a tradimento del volume del post): «QUAAAAAAANDO IL SOOOOLE TORNERÀÀÀÀÀ…»… La pubblicità di Virgilio con Nel sole di Al Bano è una paraculata. Se mi piace non so.



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2007/10/20/pensierini-tra-milano-e-roma/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. domenica 21 ottobre 2007

    ho segnalato il post tra “i posts consigliati della settimana”, sul mio blog.

    Ciao Tony:)

    Separatore
  2. giovedì 25 ottobre 2007

    Io la campagna pubblicitaria del ministero della salute non l’ho capita. Forse sarebbe il caso di farci una bella analisi semiotica perché non riesco a trovarne il senso…

    Separatore
  3. venerdì 26 ottobre 2007

    :p Anche a me il significato sfugge e poi… cos’è quella? Una signorina sbronza?!

    Separatore
  4. giovedì 1 novembre 2007

    Identiche le mie sensazioni davanti al cartellone con l’infermiera,
    grazie al quale ogni mattina (in metropolitana) il mio neurone frulla:
    “Soldi pubblici… bah”.

    Ps: per me la campagna Snai è quasi commovente. Credo che si tratti
    di foto strepitose, facce ed espressioni in un certo senso… estreme.
    Da quale punto di vista, non si dice :-D

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail