martedì 20 aprile 2010

Eyjafjallajökull

«A compiere il miracolo in cui ci innamoravamo / Poté soltanto Dio facendo esplodere il vulcano».

Si innamorano le crew delle compagnie aeree bloccate negli hotel lontani dalle basi, i passeggeri di treni che non avrebbero mai preso, i dirimpettai nelle sale d’attesa degli aeroporti, persino le impiegate degli autonoleggi e i clienti. Nei giorni del vulcano.



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2010/04/20/eyjafjallajokull/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. martedì 20 aprile 2010

    Sono sicura che il titolo di questo post è venuto fuori da un copia ed incolla!
    Il nome di questo vulcano è impossibile da pronunciare, da scrivere credo sia ancora peggio.
    …..

    Separatore
  2. mercoledì 12 maggio 2010

    Sono stata tra i fortunati rimasti bloccati in un aereoporto nei giorni della grande nube di cenere. Onestamente non era proprio l’amore il sentimento che dominava gli animi…Comunque bel post, un po’ di poesia fa sempre bene :)

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail