Archivio della categoria frasi

domenica 6 febbraio 2011

Esseri umani e polline

«Gli esseri umani non sono poi così diversi dal polline sospeso nell’acqua. Guidati da ragioni enigmatiche tanto quanto il movimento del polline, mostriamo un incessante desiderio di muoverci per la maggior parte del tempo. Non veniamo colpiti da piccoli, invisibili atomi ma trascinati dall’impercettibile fremere dei nostri neuroni, che traduciamo in compiti, responsabilità e motivazioni»

(Albert-László BarabásiBursts).

Separatore
domenica 13 giugno 2010

“Train of thought”: Mihri Khatun

“Train of thought”: Mihri Khatun

«Il mio cuore arde in fiamme di dispiacere
Scintille e fumo salgono in un movimento circolare verso il cielo

Dentro di me il cuore ha preso fuoco come una candela
Il mio corpo, roteando, è un faro illuminato dalla tua immagine».

(Mihri Khatun, poetessa turca)

Separatore
giovedì 14 maggio 2009

Letta su una nave

«Sapientia gubernator navem torquet, non valentia»
(trad.: «Il nocchiero governa la nave con la sapienza, non con la forza».)

(Titinio).

Tag: .
Separatore
venerdì 28 novembre 2008

Schiavo, re e dio

«Lavora come uno schiavo, comanda come un re, crea come un dio»

(Constantine Brancusi).

Separatore
sabato 10 maggio 2008

Scelte felici

«Dietro una scelta felice c’è sempre un po’ di sofferenza e tristezza»

(Hoshiina su twitter).

Separatore
lunedì 21 aprile 2008

Del dormire

«Sleep is for dead people».

Separatore
sabato 21 aprile 2007

Un commento su Rosalio

«Mi fido gecamente, come disse la lucertola». Ahahahahah! :P

Separatore
domenica 8 aprile 2007

Dal Mafeverso

«[...] il flirt perfetto è quello che non punta a niente e si conclude in sé»

(Mafe De Baggis).

Separatore
domenica 18 febbraio 2007

Ai fuggitivi

«Cælum non animum mutant qui trans mare currunt»
(trad.: «Cambiano cielo e non stato d’animo coloro i quali attraversano il mare».).

(Quinto Orazio Flacco).

«Il cielo è prima uno stato d’animo e poi un luogo».

(Benjamin Whichcote).

Separatore
giovedì 5 ottobre 2006

Anche l’occhio vuole la sua parte

«Raro ti vedo e spesso ti ricordo, se ti vedo di frequente ti ricordo raramente»

(letta su un muro dell’Atelier del Nuovo Montevergini di Palermo all’inaugurazione della mostra Anche l’occhio vuole la sua parte).

Separatore
sabato 9 settembre 2006

Dal Vangelo secondo Matteo

«Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena»

(Mt:6,34).

Separatore
venerdì 3 marzo 2006

Socialità

«Bisogna parlare con tutti ma non dare confidenza a nessuno»

(anonimo).

Separatore

Chiudi
Invia e-mail