lunedì 18 agosto 2014

Io “parlo male” di chi se lo merita

Pecora/lupo

Secondo una retorica del successo che si è recentemente diffusa, specialmente nel mondo delle startup, ci sono degli argomenti che non si dovrebbero trattare, delle forme che non si dovrebbero usare, delle parole che non si dovrebbero dire.

È quella retorica della comunità e della condivisione, dello spalleggiamento e del buonismo. Andiamo, sapete di che cosa sto parlando.

Criticare è considerato un segnale di invidia, meglio un complimento (che costa meno, anzi è gratis), invece di dire no sarebbe meglio dire «sì, e…», la parola “io” andrebbe evitata, meglio “noi”. E altre simili “comandamenti” del politically correct.

Ne comprendo lo spirito ma non sempre sono d’accordo.

Come si fa a costruire comunità sane se i soggetti che si rendono responsabili di comportamenti socialmente riprovevoli (ad esempio condotte professionalmente e/o umanamente scorrette) non vengono indicati a chi non li conosce per come agiscono in onore al divieto di critica? Il gregge non deve essere rifugio di qualche lupo e condividere le informazioni (anche in vista di sanzioni sociali) è un valore più alto del “bon-ton” in un gruppo.

Come si ha l’opportunità di valutare e correggere i propri errori senza una schietta peer review fatta anche di quei “no” che fanno crescere? Le critiche possono essere costruttive.

La necessità di fare gruppo non soffoca a volte individualità brillanti sacrificandone i guizzi all’interesse di non lasciare indietro nessuno e di livellare? L’individualismo non è sempre egoismo.

Non abbiate paura quindi di criticare apertamente, di dire no sinceramente, di dire “io” umilmente.



TRACKBACK TRACKBACK


Il TrackBack URL per questo post è

http://www.deeario.it/2014/08/18/io-parlo-male-di-chi-se-lo-merita/trackback/


COMMENTI COMMENTI


  1. venerdì 6 febbraio 2015

    Ma perchè bisogna sempre essere d’accordo e concilianti col rischio di essere falsi??? concordo completamente!

    Separatore
  2. giovedì 9 luglio 2015

    Concordo in toto con questo pensiero. Purtroppo ormai quasi tutti erroneamente ritengono che a una posizione sociale o lavorativa più alta consegua un diritto maggiore di esprimere le proprie opinioni, mentre gli altri non devono far altro che esprimere il loro consenso, o perlomeno tacere il loro dissenso. Sarebbe molto più giusto e più costruttivo ascoltare di più e sentenziare di meno, e secondo me questo vale in tutti i campi (ehm… forse ho appena sentenziato anche io! ;D ).
    Saluti,
    Alisia

    Separatore
  3. mercoledì 20 luglio 2016

    concordo, meglio tacere che continuare a mettere in cattiva luce gli altri

    Separatore

Scrivi un commento


Chiudi
Invia e-mail